Stampa

Presidio dirigenti, il MIUR assume impegni sul Fondo

on .

Una folta presenza di manifestanti provenienti da ogni parte d'Italia ha animato il presidio svoltosi davanti al MIUR di viale Trastevere a Roma. Una manifestazione indetta dalle cinque sigle sindacali rappresentative dell'area V per protestare contro il blocco del contratto e le decurtazioni retributive subite dai dirigenti scolastici, che rendono ancor più marcata la loro sperequazione rispetto al resto della dirigenza pubblica. Una delegazione composta dai dirigenti sindacali e da una rappresentanza dei manifestanti è stata ricevuta dal sottosegretario Davide Faraone e da altri dirigenti del MIUR. Faraone ha detto di condividere le richieste dei sindacati, sostanzialmente ribadendo una posizione per molto tempo tenuta dall'Amministrazione nella lunga (e alla fine perdente) diatriba col MEF. E proprio a un nuovo confronto col dicastero dell'Economia ha fatto riferimento Faraone, rinviandolo tuttavia a tempi successivi all'approvazione della Legge di Stabilità. Ulteriori approfondimenti tecnici sui temi al centro della discussione sono proseguiti con i dirigenti del MIUR guidati dal vice capo di gabinetto Rocco Pinneri.
Al termine dell'incontro le cinque organizzazioni hanno diffuso un comunicato unitario in cui si prende atto degli impegni assunti dal sottosegretario, chiedendo che gli stessi siano onorati in tempi brevi, pena l'avvio di una nuova e più intensa fase di mobilitazione.

Comunicato unitario