Stampa

F.P. - Raggiunto l’accordo tecnico nel tavolo trilaterale - avvio immediato delle nuove attività.

on .

Comunicato unitario di Flc Cgil, Cisl scuola, Uil Scuola.
FLC CGIL, UIL Scuola, Cisl Scuola si sono incontrate oggi, 21 giugno, con il capo della Segreteria tecnica dell’Assessore all’Istruzione e Formazione, con la Dirigente generale Corsello, con i dirigenti del servizio gestione e del servizio programmazione, con le Associazioni degli enti e con lo Snals Confsal,

per concludere la discussione iniziata giorno 18 sulla attuazione degli impegni assunti dalle parti per la prosecuzione in continuità delle attività formative anche per l’annualità 2013 - 2014.
Si è discusso di quale impianto verrà dato alla programmazione delle attività, che dovranno essere riedizioni di quelle già effettuate nella precedente annualità; si sono discusse le modalità della presentazione dei progetti, a partire dal dato condiviso nell’accordo del 7 giugno e deliberato dalla Giunta di governo sulle disponibilità economiche.
Non potranno essere rieditate le attività non avviate nella precedente annualità, né quelle che si sono concluse con una perdita di allievi superiore del 50% della soglia prevista per l’anno scorso.
Tra le attività da rieditare andranno previste, prioritariamente, quelle considerate più confacenti ai fabbisogni del mercato del lavoro, riducendo, quindi, gradualmente quelle non più considerate coerenti alle richieste del mercato del lavoro, come indicate nella direttiva dell’assessore.
La riduzione delle attività, complessivamente, non supererà il 10% sia sull’ambito FORGIO che su quello FAS.
Tutte le economie così realizzate saranno utilizzate per il finanziamento del costo degli allievi e dei trasporti.
Alle progettazioni esecutive gli enti dovranno allegare l’elenco - non vincolante - del personale incaricato e quello del personale che potrebbe rimanere, eventualmente, privo d’incarico.
Tali elenchi serviranno a identificare le opportune soluzioni per il mantenimento in servizio anche presso altri enti che abbiano disponibilità. In alternativa alla ricollocazione, le organizzazioni sindacali hanno chiesto che si avvii la discussione sugli strumenti di accompagnamento all’esodo.
È stato determinato un cronogramma che vede la pubblicazione di un comunicato formale dell’Amministrazione già lunedì 24;
il termine per la presentazione dei progetti esecutivi per il successivo lunedì 8 luglio;
apposita convocazione di un tavolo trilaterale giovedì 11 luglio (per la straordinaria situazione del Cefop e per la attualizzazione della circolare 10/94);
la prosecuzione del tavolo trilaterale per venerdì 12 luglio per iniziare a verificare la possibilità di riallocazione produttiva del personale non immediatamente incaricabile all’interno del proprio ente, e di quello che, dal 2012, è già stato oggetto di procedure di licenziamento.
Le Parti si sono aggiornate per affrontare le questioni relative all’OIF, per la filiera della Formazione continua e permanente, che sono ritenute strategiche per il sistema siciliano e per la garanzia della offerta formativa nel territorio di Caltanissetta.
Grazie all’accordo si conferma l’impegno delle parti all’abbattimento della spesa e all’innalzamento qualitativo della formazione professionale con il mantenimento dei livelli occupazionali.
Le parti sociali, pur esprimendo soddisfazione per il  percorso avviato verso il riordino del settore della formazione professionale, con la ragionevole certezza che l’Amministrazione rispetterà in tempi brevi l’impegno assunto per il superamento della situazione emergenziale relativa ai pagamenti, sono impegnate a vigilare che non sorgano ulteriori ostacoli.
Flc Cgil,Cisl Scuola e Uil Scuola hanno tuttavia espresso disappunto, ai margini della riunione, per la mancata interlocuzione con l’Assessore alla Famiglia sulla materia di sua competenza che riguarda il futuro e le emergenze dei 1850 dipendenti degli enti impegnati sugli sportelli multifunzionali.

IL NOSTRO RESOCONTO DELL'INCONTRO INCONTRO DEL 21.06.2013
AVVIO ATTIVITA’ FORMATIVE 2013/14

In data odierna si è svolto, presso i locali di via Imperatore Federico a Palermo, un tavolo tecnico per stabilire gli indirizzi di avvio della seconda annualità dell’Avviso 20/2011.Per l'Amministrazione Regionale erano presenti la Dirigente Generale, Avv.ssa Anna Rosa Corsello, il Capo della Segreteria Tecnica dell’Assessore, Avv. Lucio Guarino, e i Dirigenti del Servizio Gestione, Arch. Michele Lacagnina  e del Servizio Programmazione. Erano, inoltre, presenti i rappresentanti di FLC CGIL, CISL SCUOLA, UIL SCUOLA e SNALS e delle associazioni datoriali Forma, Cenfop, Assifor, Asef ed Anfop.All'ordine del giorno le modalità di avvio della seconda annualità con la garanzia dei livelli occupazionali del personale della filiera.Dapprima l’Amministrazione Regionale ha avanzato una proposta di un taglio orizzontale del 15% dei volumi economici sia per l’ambito FORGIO che per l’ambito FAS con l’esclusione dei corsi degli enti con revoca di accreditamento, dei corsi non avviati nella prima annualità e dei corsi scesi sotto la soglia di decurtazione. Il primo problema attenzionato è stato quello di spostare il taglio dai volumi economici alle ore, in quanto la proposta dell’Assessorato avrebbe potuto generare una differenziazione dei parametri di finanziamento da ente ad ente. Inoltre, si è evidenziato che il taglio avrebbe comunque inciso sui livelli occupazionali e, dopo un approfindito dibattito ed una ampia discussione si è pervenuti alle seguenti conclusioni.
Avverrà un taglio lineare del 10% delle ore sia sulle attività dell’ambito FORGIO che FAS, con la decurtazione delle ore degli enti definanziati, dei corsi non avviati e dei corsi scesi sottosoglia oltre il 50% (escluso per i corsi delle carceri).
Bisognerà tagliare, prioritariamente, i corsi inseriti nella lista dei profili non compatibili così come previsto dall’elenco allegato alla direttiva prot. 2247 del 30 maggio u.s..
La CISL, insieme a CGIL e UIL, ha chiesto ed ottenuto un apposito tavolo trilaterale per la salvaguardia occupazionale, come da impegni presi negli accordi con il Governo Regionale con la ricollocazione del personale o con l’esodo incentivato ed eventuale prepensionamento del personale.
Abbiamo preteso ed ottenuto, ancora, tempi brevi e certi per far si che le attività d’aula possano iniziare nel mese di settembre e per garantire entro il mese di luglio l’eventuale personale in esubero.
Ci siamo prefissati un calendario molto dettagliato delle azioni da porre in essere a partire da lunedì 24 giugno p.v., data di pubblicazione di un comunicato più preciso di quello pubblicato ieri, dove si precisi che vi sia la prosecuzione tra la prima e la seconda annualità senza soluzione di continutà e si dettino le disposizioni per la presentazione dei progetti esecutivi, la cui scadenza è stata prevista per lunedì 8 luglio 2013.
Successivamente, venerdì 12 luglio 2012 si insedierà il tavolo trilaterale per la salvaguardia occupazionale che si occuperà di ricollocare il personale eventualmente in esubero comprensivo di quello già espulso nel corso della prima annualità.
Abbiamo chiesto di calendarizzare nel breve anche appositi tavoli per affrontare le questioni relative all’OIF, alla Formazione continua e permanente e alla garanzia dell’offerta formativa sul territorio di Caltanissetta.
Ed ancora, abbiamo previsto, per giorno 11 giugno p.v., un tavolo trilaterale sul Cefop e sulle problematiche della Circolare 10/94.
L’amministrazoine ha annunciato, infine, che ciascun Ente Gestore dovrà dotarsi, come previsto con delibera di Giunta, di apposito conto corrente destinato al pagamento delle retribuzioni del personale.
Tutte le richieste avanzate dalla CISL Scuola, sin dai tavoli presso la Presidenza della Regione, sono state ad oggi accolte e possiamo, pertanto, ritenerci soddisfatti per l’attenzione che si sta ponendo su tutto il personale del settore a partire dalle garanzie dei liveli occupazionali.
Continueremo a mantenere alta l’attenzione ed a pressare l’Assessorato al fine di arrivare a presto a risultati anche sulle altre due filiere del settore per arrivare ad una riforma storica della Formazione Professionale in Sicilia.
Palermo, 21 giugno 2013